22 Ottobre 2020
News

Sospensione del processo esecutivo ex art 54 ter del decreto Cura Italia - le interpretazioni sugli aspetti salienti della norma

03-05-2020 17:58 - Le nostre news
L'articolo 54 ter del d.l. nr 18 del 17 marzo 2020 (cd. Decreto Cura Italia) ha previsto la sospensione delle procedure esecutive immobiliari per un periodo di 6 mesi a far data dall'entrata in vigore della citata norma (e quindi dal 30.4.2020 essendo la stessa stata convertita con la legge nr 27 del 24 aprile 2020 e pubblicata in Gazzetta Ufficiale il giorno 29 aprile 2020).
Il testo dell'articolo così recita: “Al fine di contenere gli effetti negativi dell'emergenza epidemiologica da COVID-19, in tutto il territorio nazionale è sospesa, per la durata di sei mesi a decorrere dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, ogni procedura esecutiva per il pignoramento immobiliare di cui all'art. 555 del c.p.c. che abbia ad oggetto l'abitazione principale del debitore”.

Anche grazie all'intervento interpretativo di cui all'articolo qui a commento, si disaminano i vari aspetti della questione ritenuta di particolare interesse per quanto attiene sia all'impatto socio – economico della disposizione che alle conseguenze attuative per la posizione dei creditori ma anche dell'organizzazione degli uffici giudiziari.

Valga innanzitutto precisare che trattasi di previsione scaturita da esigenze di natura emergenziale e come tale, non essendo stata destinataria di passaggi parlamentari e prima ancora di discussioni in sede di commissioni preposte, essa sarà destinataria di inevitabili problematiche interpretative per le quali ci si auspica un indirizzo omogeneo da parte dei singoli Tribunali.

La finalità della disposizione è di natura socio – economica.
La situazione di eccezionale emergenzialità derivante dall'infezione da Covid – 19 ancora in atto e che produrrà certe ripercussioni al sistema produttivo nonchè occupazionale per i molti mesi a venire, ha indotto il legislatore a salvaguardare il debitore esecutato per il periodo di ritenuta prevedibile durata dell'emergenza (6 mesi) rendendolo così indenne dagli effetti ad egli pregiudizievoli derivanti dalla potenziale liquidazione giudiziale (con conseguente obbligo di allontanamento) della propria dimora.

Il dr. Silvio Leuzzi e dr. Raffaele Rossi in contributo qui a commento ed allegato, hanno disaminato gli aspetti salienti di tale previsione normativa fornendo anche interessanti spunti di riflessione sulla risoluzione delle problematiche ad essa afferenti.

1) Ambito di operatività.
Secondo l'art 54 ter (il cui titolo così recita: Sospensione delle procedure esecutive sulla prima casa) è sospesa “ogni procedura esecutiva per il pignoramento immobiliare di cui all'art. 555 del c.p.c. che abbia ad oggetto l'abitazione principale del debitore”.
Pacifica la distinzione tra la nozione di “abitazione principale” e quella di “prima casa”, evocativa più al campo dei diritti reali che ad esigenze abitative stabili, ci si è da subito interrogati sull'effettivo ambito di operatività della norma.

Sul punto deve ritenersi prevalente il concetto di abitazione principale a discapito di quello diverso - sia pure presente sub titolo dell'articolo - di prima casa; e ciò attesa la citata finalità socio economica della disposizione e così l'intento del legislatore emergenziale di attutire i risvolti già drammatici della pandemia preservando per qualche mese i debitori dal rischio di dover altresì trovare altra dimora per effetto dell'azione esecutiva in corso.

Il dossier parlamentare della legge di conversione precisa, peraltro, che per "abitazione principale" si intende quella nella quale dimorano abitualmente la persona fisica, che la possiede a titolo di proprietà o altro diritto reale, o i suoi familiari (ai sensi dell'art. 10, comma 3-bis del D.P.R. n. 917 del 1986)

Secondo la condivisa interpretazione in articolo qui a commento, per la corretta definizione di “abitazione principale” è tuttavia d'ausilio anche la disciplina fiscale.
Ecco allora l'art. 13 d.l. 6 dicembre 2011, n. 201, recante “Disposizioni urgenti per la crescita, l'equita' e il consolidamento dei conti pubblici”, convertito con modifiche dalla l. 22 dicembre 2011, n. 214 secondo cui “Per abitazione principale si intende l'immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unita' immobiliare, nel quale il possessore e il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente”.

In estrema sintesi due sono i ritenuti presupposti per l'operatività del beneficio della sospensione: la dimora abituale e la residenza anagrafica; ed essi, richiamati i principi di cui agli artt 2913 e ss c.c. sull'inefficacia per i creditori degli atti di disposizione giuridica pregiudizievoli nei loro riguardi, dovranno costituire un antefatto all'entrata in vigore della legge 27/2020.

Sulla base dei citati principi, tali presupposti dovrebbero in realtà sussistere ancora prima e sin dal radicamento dell'azione esecutiva e quindi dal pignoramento.
Su punto, si ritiene tuttavia di dover attendere l'intervento della Magistratura di Merito la quale, proprio in funzione della finalità eccezionalmente cautelare della norma (peraltro limitata a breve periodo) potrebbe ritenere opportuno mitigarne sotto tale aspetto l'ambito applicativo.

2) Limiti di applicazione:
Secondo l'art 54 ter “ ….. è sospesa …. ogni procedura esecutiva per il pignoramento immobiliare di cui all'art. 555 del c.p.c. …. ”.

Sulla base del tenore testuale della disposizione valgano i seguenti rilievi:

-) Premesso che il pignoramento è il primo atto dell'azione espropriativa (art 491 cpc : Salva l'ipotesi prevista nell'art. 502, l'espropriazione forzata si inizia col pignoramento) e che senza di esso non c'è pertanto “procedura”, non è giustamente precluso al creditore di radicare comunque l'esecuzione notificando il pignoramento immobiliare e così ponendo sul bene il vincolo di pregiudizialità a tutela del proprio diritto.
Hanno peraltro evidenziato gli autori che, qualora avesse ritenuto di intervenire in diversa direzione, il legislatore avrebbe potuto diversamente disporre con la previsione del vincolo di impignorabilità come in art 76 DPR 602/1973 (esecuzione esattoriale) ovvero con il divieto all'azione esecutiva come in art 51 l.f..

-) Sarebbero escluse le esecuzioni per rilascio.
E' ben vero che la ratio dell'intervento emergenziale indurrebbe, a maggior ragione, ad includere nell'ambito di applicazione anche tali fattispecie.
Posto che la lettera della norma richiama espressamente le procedure ex art 555 cpc tali diverse esecuzioni paiono tuttavia dover essere inevitabilmente escluse.

Per completezza deve sul punto tuttavia precisarsi che, nel contesto dello stesso d.l. n. 18 del 2020, è stato inserito il diverso art 103 comma 6 proprio sulla sospensione delle esecuzioni per rilascio indicata nella originaria formulazione sino al 30 giugno 2020 e poi differita, in sede di conversione, alla data del 1° settembre 2020.

3) I limiti alla operatività della sospensione:
Richiamata la già citata finalità della sospensione, gli autori in articolo qui a commento ritengono che laddove il debitore non subisca comunque un pregiudizio dalla prosecuzione dell'azione esecutiva la stessa non debba essere arrestata.
Il riferimento va all'ipotesi di aggiudicazione già intervenuta e decreto di trasferimento già emesso: la fase della distribuzione insomma.
In siffatte situazioni il debitore non subirebbe alcun vantaggio dalla sospensione (non sussistendovi più in concreto il presupposto del rischio di doversi allontanare dalla propria abitazione) a fronte invece dell'ingiustificato pregiudizio che ne deriverebbe ai creditori per un differimento della fase del riparto.

4) L'iter per la sospensione
La sospensione nel processo esecutivo richiama di per sè alcuni passaggi obbligatori quali l'istanza dei soggetti interessati e la fissazione di udienza a garanzia del contraddittorio onde consentire al creditore di contestare la sussistenza dei presupposti per l'arresto dell'azione esecutiva.
Tali astratte previsioni si rendono tuttavia illogiche in quanto inutilmente gravanti sul sistema giudiziario che sarà già messo a dura prova da mesi di interruzione.

Ci si interroga allora su come il Giudice possa concretamente emettere il suo provvedimento che non avrà certamente natura costitutiva ma meramente dichiarativa in quanto accertativa di una situazione in cui la norma legittima l'arresto della procedura esecutiva.

Ecco allora che nel contributo qui allegato, ed a cui ci si si richiama per ulteriori approfondimenti in materia, i suoi autori suggeriscono una prassi operativa certamente condivisibile fondata sul presupposto, da un lato, che nell'ambito dell'azione esecutiva lo stato di abitabilità dell'immobile è conosciuto e conoscibile da pressochè il suo inizio (atteso come nell'esecuzione dei loro mandati CTU, custodi e Delegati relazionano il Giudice sull'abitabilità dell'immobile da parte del debitore) e dall'altro che la residenza anagrafica è oramai un dato che può essere acquisito nell'immediato.

Ed invero:

“Può allora ipotizzarsi (e lo si accenna nei limiti consentiti alla finalità della presente trattazione) un provvedimento del giudice dell'esecuzione, espressione del suo potere di direzione della procedura ex art. 474 c.p.c. e di immanente controllo dei propri ausiliari, che indirizzi e orienti, in linea generale, l'operato degli ausiliari (altrimenti profilandosi una messe di richieste ad opera di questi, con tutte le nefaste conseguenze adombrate sopra) nel senso di arrestare le proprie attività qualora emerga, sulla base delle situazioni abitualmente oggetto di verifica ed in ogni caso con la acquisizione di certificazione anagrafica di residenza, che l'immobile staggito rappresenti la dimora abituale del debitore, e di dare segnalazione dell'avvenuto arresto al giudice dell'esecuzione, ai fini di un successivo provvedimento ricognitivo (anche in forma di decreto) ad opera di quest'ultimo.
Siffatto accertamento dell'ausiliario, trasfuso in un atto acquisito al fascicolo della procedura (la descritta comunicazione al giudice dell'esecuzione), avrebbe l'effetto di tutelare hic et inde il debitore esecutato, senza peraltro compromettere le facoltà del creditore che, in thesi, intenda contestare la ricorrenza del presupposto legittimante la sospensione, siccome abilitato a formulare reclamo ex art. 591-ter c.p.c. e, in tal modo, invocare una pronuncia del giudice dell'esecuzione che, concordemente alla natura del provvedimento reso in sede di reclamo ex art. 591-ter c.p.c. individuata dalla Suprema Corte, avrebbe contenuto esclusivamente ordinatorio dello svolgimento della procedura esecutiva”.

Questa è una delle prime interpretazioni su una disposizione di legge che pone numerosi problemi interpretativi, stante la sua formulazione estremamente generica tenuto altresì conto che la stessa è entrata in vigore nell'immediato e che la sua operatività ha comunque un arco temporale ristretto.

Si rimane pertanto in attesa delle concrete applicazioni che ne daranno i Tribunali di Merito auspicando che esse siano il più possibile uniformi.








www.sosmu.net
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.legalefrojo.it
Il sito web www.legalefrojo.it raccoglie alcuni dati personali degli utenti che navigano sul sito web.

In accordo con l'impegno e l'attenzione che poniamo ai dati personali e in accordo agli artt. 13 e 14 del EU GDPR, www.legalefrojo.it fornisce informazioni su modalità, finalità, ambito di comunicazione e diffusione dei dati personali e diritti degli utenti.

Titolare del trattamento dei dati personali
STUDIO LEGALE ASSOCIATO FROJO
Via G. Mazzini 8,
13900 Biella (BI), Italia

Email: info@legalefrojo.it
Telefono: +39 015 29990

Tipi di dati acquisiti
www.legalefrojo.it raccoglie dati degli utenti direttamente o tramite terze parti. Le tipologie di dati raccolti sono: dati tecnici di navigazione, dati di utilizzo, email, nome, cognome, numero di telefono, provincia, nazione, cap, città, indirizzo, ragione sociale, stato, cookie e altre varie tipologie di dati. Maggiori dettagli sui dati raccolti vengono forniti nelle sezioni successive di questa stessa informativa.
I dati personali sono forniti deliberatamente dall'utente tramite la compilazione di form, oppure, nel caso di dati di utilizzo, come ad esempio i dati relativi alle statistiche di navigazione, sono raccolti automaticamente navigando sulle pagine di www.legalefrojo.it.

I dati richiesti dai form sono divisi tra obbligatori e facoltativi; su ciascun form saranno indicate distintamente le due tipologie. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati obbligatori, www.legalefrojo.it si riserva il diritto di non fornire il servizio. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati facoltativi, il servizio sarà fornito ugualmente da www.legalefrojo.it .

www.legalefrojo.it utilizza strumenti di statistica per il tracciamento della navigazione degli utenti, l'analisi avviene tramite log. Non utilizza direttamente cookie ma può utilizzare cookie includendo servizi di terzi.

Ciascun utilizzo di cookie viene dettagliato nella Cookie Policy (http://www.legalefrojo.it/Informativa-sui-cookies.htm) e successivamente in questa stessa informativa.
L'utente che comunichi, pubblichi, diffonda, condivida o ottenga dati personali di terzi tramite www.legalefrojo.it si assume la completa responsabilità degli stessi. L'utente libera il titolare del sito web da qualsiasi responsabilità diretta e verso terzi, garantendo di avere il diritto alla comunicazione, pubblicazione, diffusione degli stessi. www.legalefrojo.it non fornisce servizi a minori di 18 anni. In caso di richieste effettuate per minori deve essere il genitore, o chi detiene la patria potestà, a compilare le richieste dati.

Modalità, luoghi e tempi del trattamento dei dati acquisiti
Modalità di trattamento dei dati acquisiti
Il titolare ha progettato un sistema informatico opportuno a garantire misure di sicurezza ritenute adatte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la cancellazione non autorizzata di dati personali. Lo stesso sistema effettua copie giornaliere, ritenute sufficientemente adeguate in base alla importanza dei dati contenuti.

L'utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alle misure di sicurezza adottate dal titolare per proteggere i dati.

Accessi ai dati oltre al titolare
Hanno accesso ai dati personali raccolti da www.legalefrojo.it il personale interno (quale ad esempio amministrativo, commerciale, marketing, legale, amministratori di sistema) e/o soggetti esterni (quali ad esempio fornitori di servizi informatici terzi, webfarm, agenzie di comunicazione, fornitori di servizi complementari). Se necessario tali strutture sono nominate dal titolare responsabili del trattamento.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, l'elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.

Comunicazione di eventuali accessi indesiderati al Garante della Privacy
Il suddetto sistema informatico è monitorato e controllato giornalmente da tecnici e sistemisti. Ciò non toglie che, anche se ritenuta possibilità remota, ci possa essere un accesso indesiderato. Nel caso in cui questo si verifichi il titolare si impegna, come da GDPR ad effettuarne comunicazione al Garante della Privacy entro i termini previsti dalla legge.

Luoghi di mantenimento dei dati acquisiti
I dati personali sono mantenuti e trattati nelle sedi operative e amministrative del titolare, nonché nelle webfarm dove risiedono i server che ospitano il sito web www.legalefrojo.it, o sui server che ne effettuano le copie di sicurezza. I dati personali dell'utente possono risiedere in Italia, Germania e Olanda, comunque in nazioni della Comunità Europea. I dati personali dell'utente non vengono mai portati o copiati fuori dal territorio europeo.

Tempi di mantenimento dei dati acquisiti
Nel caso di dati acquisiti per fornire un servizio all'utente, (sia per un servizio acquistato che in prova) i dati vengono conservati per 24 mesi successivi al completamento del servizio. Oppure fino a quando non ne venga revocato il consenso.

Nel caso in cui il titolare fosse obbligato a conservare i dati personali in ottemperanza di un obbligo di legge o per ordine di autorità, il titolare può conservare i dati per un tempo maggiore, necessario agli obblighi.

Al termine del periodo di conservazione i dati personali saranno cancellati. Dopo il termine, non sarà più possibile accedere ai propri dati, richiederne la cancellazione e la portabilità.

Base giuridica del trattamento dei dati acquisiti
Il titolare acquisisce dati personali degli utenti nei casi sotto descritti.
Il trattamento si rende necessario:
- se l'utente ha deliberatamente accettato il trattamento per una o più finalità;
- per fornire un preventivo all'utente;
- per fornire un contratto all'utente;
- per fornire un servizio all'utente;
- perché il titolare possa adempiere ad un obbligo di legge;
- perché il titolare possa adempiere ad un compito di interesse pubblico;
- perché il titolare possa adempiere ad un esercizio di pubblici poteri;
- perché il titolare o terzi possano perseguire i propri legittimi interessi.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulla base giuridica di ciascun trattamento.

Finalità del trattamento dei dati acquisiti
I dati dell'utente sono raccolti dal titolare per le seguenti finalità:

- richieste di informazioni commerciali;
- richieste di preventivi;
- fornire informazioni generiche ali utenti.


Eventualmente i dati possono essere trattati anche per:
contattare l'utente, statistiche, analisi dei comportamenti degli utenti e registrazione sessioni, visualizzazione contenuti e interazione di applicazioni esterne, protezione dallo spam, gestione dei pagamenti, interazione con social network, pubblicità.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulle finalità di ciascun trattamento.

Dettagli specifici sull'acquisizione e uso dei dati personali
Per contattare l'utente
Moduli di contatto
L'utente può compilare il/i moduli di contatto/richiesta informazioni, inserendo i propri dati e acconsentendo al loro uso per rispondere alle richieste di natura indicata nella intestazione del modulo.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Per interazione con applicazioni esterne (anche social network)
www.legalefrojo.it include nelle sue pagine plugin e/o pulsanti per interagire con i social network e/o applicazioni esterne.
Per quanto riguarda i social network, anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook: Pulsante "Mi piace" e widget sociali
Fornitore del servizio: Facebook, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Facebook
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://www.facebook.com/about/privacy/update)
Cookie utilizzati (https://www.facebook.com/about/privacy/cookies)
Aderente al Privacy Shield

Twitter: Pulsante "Tweet" e widget sociali
Fornitore del servizio: Twitter, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Twitter
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://twitter.com/privacy)
Cookie utilizzati (https://help.twitter.com/it/rules-and-policies/twitter-cookies)
Aderente al Privacy Shield

Per visualizzare contenuti da siti web esterni
Questi servizi sono utilizzati per visualizzare sulle pagine del sito web contenuti esterni al sito web, con possibilità di interazione.
Anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Google Fonts
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio per visualizzare caratteri (fonts) esterni sul proprio sito web
Dati personali raccolti: tipologie di dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Widget Google Maps
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio per visualizzare e interagire con mappe esterne sul proprio sito web
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Diritti dell'interessato
L'utente possiede tutti i diritti previsti dall'art. 12 del EU GDPR, il diritto di controllare, modificare e integrare (rettificare), cancellare i propri dati personali accedendo alla propria area riservata. Una volta cancellati tutti i dati, viene chiuso l'account di accesso all'area riservata.

Nello specifico ha il diritto di:
- sapere se il titolare detiene dati personali relativi all'utente (art. 15 Diritto all'accesso);
- modificare o integrare (rettificare) i dati personali inesatti o incompleti (Art. 16 Diritto di rettifica);
- richiedere la cancellazione di uno o parte dei dati personali mantenuti se sussiste uno dei motivi previsti dal GDPR (Diritto alla Cancellazione, 17);
- limitare il trattamento solo a parte dei dati personali, o revocarne completamente il consenso al trattamento, se sussiste uno dei motivi previsti dal Regolamento (Art. 18 Diritto alla limitazione del trattamento);
- ricevere copia di tutti i dati personali in possesso del titolare, in formato di uso comune organizzato, e leggibili anche da dispositivo automatico (Art. 20, Diritto alla Portabilità);
- opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per finalità di marketing, ad esempio opporsi e ricevere offerte pubblicitarie (art. 21 Diritto di opposizione). Si fa presente agli utenti che possono opporsi al trattamento dei dati utilizzati per scopo pubblicitario, senza fornire alcuna motivazione;
- opporsi al trattamento dei dati in modalità automatica o meno per finalità di profilazione (c.d. Consenso).

Come un utente può esercitare i propri diritti
L'utente può esercitare i propri diritti sopra esposti comunicandone richiesta al titolare del trattamento STUDIO LEGALE ASSOCIATO FROJO ai seguenti recapiti: info@legalefrojo.it; tel. +39 015 29990.

La richiesta di esercitare un proprio diritto non ha nessun costo. Il titolare si impegna ad evadere le richieste nel minor tempo possibile, e comunque entro un mese.

L'utente ha il diritto di proporre reclamo all'Autorità Garante per la Protezione dei dati Personali. Recapiti: garante@gpdp.it, http://www.gpdp.it (http://www.gpdp.it).

Cookie Policy
Si raccomanda di consultare nel dettagli anche la Cookie Policy (http://www.legalefrojo.it/Informativa-sui-cookies.htm).

Informazioni aggiuntive sul trattamento dei dati
Difesa in giudizio
Nel caso di ricorso al tribunale per abuso da parte dell'utente nell'utilizzo di www.legalefrojo.it o dei servizi a esso collegati, il titolare ha la facoltà di rivelare i dati personali dell'utente. È inoltre obbligato a fornire i suddetti dati su richiesta delle autorità pubbliche.

Richiesta di informative specifiche
L'utente ha diritto di richiedere a www.legalefrojo.it informative specifiche sui servizi presenti sul sito web e/o la raccolta e l'utilizzo dei dati personali.

Raccolta dati per log di sistema e manutenzione
www.legalefrojo.it e/o i servizi di terze parti (se presenti) possono raccogliere i dati personali dell'utente, come ad esempio l'indirizzo IP, sotto forma di log di sistema. La raccolta di questi dati è legata al funzionamento e alla manutenzione del sito web.

Informazioni non contenute in questa policy
L'utente ha diritto di richiedere in ogni momento al titolare del trattamento dei dati le informazioni aggiuntive non presenti in questa Policy riguardanti il trattamento dei dati personali. Il titolare potrà essere contattato tramite gli estremi di contatto.

Supporto per le richieste "Do Not Track"
Le richieste  "Do Not Track" non sono supportate da www.legalefrojo.it.
L'utente è invitato a consultare le Privacy Policy dei servizi terzi sopra elencati per scoprire quali supportano questo tipo di richieste.

Modifiche a questa Privacy Policy
Il titolare ha il diritto di modificare questo documento avvisando gli utenti su questa stessa pagina oppure, se previsto, tramite i contatti di cui è in possesso. L'utente è quindi invitato a consultare periodicamente questa pagina. Per conferma sull'effettiva modifica consultare la data di ultima modifica indicata in fondo alla pagina.
Il titolare si occuperà di raccogliere nuovamente il consenso degli utenti nel caso in cui le modifiche a questo documento riguardino trattamenti di dati per i quali è necessario il consenso.

Definizioni e riferimenti legali
Dati personali (o dati, o dati dell'utente)
Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche, le sue abitudini, il suo stile di vita, le sue relazioni personali, il suo stato di salute, la sua situazione economica, ecc.

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Dati di utilizzo
Sono dati di utilizzo le informazioni che vengono raccolte in automatico durante la navigazione di www.legalefrojo.it, sia da sito web stesso che dalle applicazioni di terzi incluse nel sito. Sono esempi di dati di utilizzo l'indirizzo IP e i dettagli del dispositivo e del browser (compresi la localizzazione geografica) che l'utente utilizza per navigare sul sito, le pagine visualizzate e la durata della permanenza dell'utente sulle singole pagine.

Utente
Il soggetto che fa uso del sito web www.legalefrojo.it.
Coincide con l'interessato, salvo dove diversamente specificato.

Interessato
Interessato è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali. Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l'indirizzo, il codice fiscale, ecc. di Mario Rossi, questa persona è l'interessato (articolo 4, paragrafo 1, punto 1), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Responsabile del trattamento (o responsabile)
Responsabile è la persona fisica o giuridica al quale il titolare affida, anche all'esterno della sua struttura organizzativa, specifici e definiti compiti di gestione e controllo per suo conto del trattamento dei dati (articolo 4, paragrafo 1, punto 8), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Il Regolamento medesimo ha introdotto la possibilità che un responsabile possa, a sua volta e secondo determinate condizioni, designare un altro soggetto c.d. "sub-responsabile" (articolo 28, paragrafo 2).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento (o titolare)
Titolare è la persona fisica, l'autorità pubblica, l'impresa, l'ente pubblico o privato, l'associazione, ecc., che adotta le decisioni sugli scopi e sulle modalità del trattamento (articolo 4, paragrafo 1, punto 7), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

www.legalefrojo.it (o sito web)  
Il sito web mediante il quale sono raccolti e trattati i dati personali degli utenti.

Servizio
Il servizio offerto dal sito web www.legalefrojo.it come indicato nei relativi termini.

Comunità Europea (o UE)
Ogni riferimento relativo alla Comunità Europea si estende a tutti gli attuali stati membri dell'Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, salvo dove diversamente specificato.

Cookie
Dati conservati all'interno del dispositivo dell'utente.

Riferimenti legali
La presente informativa è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679. Questa informativa riguarda esclusivamente www.legalefrojo.it, dove non diversamente specificato.

Data ultima modifica: 22/04/2020
torna indietro leggi Privacy Policy per www.legalefrojo.it  obbligatorio